Archivi categoria: Piante

Marrubium vulgare L.

Marrubium vulgare L.
LAMIACEAE
MARRUBIO


Descrizione

Piccola pianta erbacea annuale o perenne, molto comune nei terreni incolti, ha fiori labiati ed è fittamente pelosa. Presenta un fusto quadrangolare biancolanuginoso, alto 30-60 cm con numerose foglie opposte, ovali e rugose. I fiori bianco-rosei, con calice peloso e sepali di 10 denti lesiniformi, sono raccolti in glomeruli densi all’ascella delle foglie e costituiti da uno spicastro; il frutto è una drupa con 4 semi. Ha un sapore acre caratteristico.
Il nome generico, che deriva dall’ebraico marrob ( = amaro), è un nome latino che indica un rimedio familiare per la tosse.
È, infatti, una pianta utilizzata fin dall’antichità nel trattamento delle affezioni dell’apparto respiratorio: in particolare come espettorante, sedativo della tosse e mucolitico.
Si utilizzano le foglie e le sommità fiorite.


Prodotti correlati


Myrtus communis L.

Myrtus communis L.
MYRTACEAE
MIRTO


Descrizione

Il Mirto è un arbusto sempreverde, che può raggiungere i 3-5 metri di altezza, ha una crescita molto lenta, è longevo e può diventare plurisecolare. La corteccia è rossiccia nei rami giovani ma nel tempo assume un colore grigiastro.
Le foglie, piccole e lanceolate, sono opposte, ovali-acute, coriacee, glabre e lucide, di colore verde scuro superiormente con molti punti translucidi in corrispondenza delle ghiandole aromatiche. L’abbondante fioritura avviene in tarda primavera, un evento piuttosto ricorrente
è la seconda fioritura che si può verificare in tarda estate o, con autunni caldi, anche in ottobre. I fiori, bianchi o rosati, profumati, sono solitari e ascellari. Dopo i fiori arrivano i frutti (base del famoso liquore): sono piccole bacche tonde di circa 1 centimetro di diametro di colore nero/bluastro che maturano da novembre a gennaio persistendo per un lungo periodo sulla pianta, contengono molti semi.
Tutta la pianta, fiori e frutti compresi, è molto aromatica e spesso utilizzata anche come pianta ornamentale. Fin dal Medioevo il Mirto viene usato in fitoterapia: l’olio essenziale, ricavato da foglie, ramette o infiorescenze, ha un’azione balsamica, un effetto mucolitico,
espettorante e fluidificante del catarro. Aiuta a decongestionare le vie respiratorie infiammate ed è ben tollerato anche dai bambini.


Prodotti correlati


Diospyros kaki L. F.

Diospyros kaki L. F.
EBENACEE
CACO


Descrizione

I Cachi sono alberi molto longevi e possono diventare pluricentenari, con una crescita, però, molto lenta.
A piena maturità diventa imponente e può superare i 15 metri di altezza, il tronco è dritto e la corteccia è solcata da numerose fessure irregolari. I rami sono piuttosto fragili e sviluppano delle gemme miste.
Le foglie, di forma ellittica, sono verde scuro, lucenti sulla pagina superiore e più chiare nella pagina inferiore, coriacee con i margini lisci.
I frutti sono ornamentali e permangono a lungo sui rami nudi della pianta anche dopo che le foglie sono cadute. Sono grossi e globosi, di colore arancio acceso. Hanno un elevato valore nutritivo grazie alla presenza di proteine, aminoacidi, vitamine e zuccheri.
Svolgono un’azione espettorante utile nel trattamento di disturbi bronchiali, tosse secca e raffreddore.


Prodotti correlati


Opuntia ficus-indica

Opuntia ficus-indica


Descrizione

Opuntia ficus-indica L. (Mill.)
Vengono utilizzate tutte le sue parti, ad eccezione delle radici, per gli scopi alimentari e medicamentosi.
Le pale (foglie grasse) vengono utilizzate fresche e sono ricche  di mucillagini. Grazie alle loro proprietà mucoadesive, creano un film protettivo della mucosa gastro-intestinale.


Prodotti correlati


Cistuscreticus L. (Cisto) Cistaceae

Cistuscreticus L. (Cisto) Cistaceae


Il genere Cistuscreticus comprende circa venti specie di arbusti di media grandezza, sempreverdi, originari dell’area mediterranea. Hanno portamento eretto e forma tondeggiante, molto ramificata e disordinata, possono raggiungere i 90-100 cm di altezza. Le foglie del cisto sono ovali, cuoiose, di colore verde brillante, generalmente ricoperte da una sottile e spessa peluria.
Il Cisto (Cistuscreticus) era utilizzato nella medicina dell‘area mediterranea già nei secoli precristiani. Ancora oggi presso le popolazioni rurali esiste l‘usanza di preparare il tè con le foglie di cisto per scongiurare le infezioni respiratorie.


Prodotti correlati


Cetrariaislandica L. (Lichene islandico) Parmeliaceae

Cetrariaislandica L. (Lichene islandico) Parmeliaceae


Descrizione e proprietà

Gli islandesi consumano questo lichene come alimento. Lo raccolgono quando piove o di notte, lo macerano nell’acqua per 24 h, lo disseccano e lo macinano per ottenere una farina. Si impiega il tallo del lichene che contiene acido usnico ad attività battericida nota, e numerose mucillagini dotate di proprietà gastroprotettiva, lenitive delle mucose irritate e infiammate ed espettoranti.


Prodotti correlati


Camellia Siniensis

Camellia siniensis


Camellia sinensis L.
Theaceae
Pianta del tè


Descrizione

La pianta è un arbusto eretto, con foglie ovato-acuminate, con il margine dentato e un colore verde chiaro lucente. I fiori sono piccoli e bianchi (o gialli), con numerosi stami color giallo-oro. È originaria del Sud/Sudest Asiatico anche se oggi è coltivata in tutto il mondo, in particolar modo in regioni a clima tropicale e subtropicale. Può crescere oltre i due metri ma, per facilitare la coltivazione, si mantiene a dimensioni di cespuglio o di piccolo albero. Le foglie sono lunghe da 4 a 15 centimetri e strette. Una foglia fresca contiene circa il 4% di caffeina. Tutti i tipi di tè si ricavano dalla lavorazione delle foglie, dei germogli e di altre parti della pianta: soltanto i metodi di lavorazione differenziano le varie tipologie. L’estratto ottenuto dalle foglie è utilizzato come riducente, anticellulite, nella prevenzione e trattamento dell’invecchiamento cutaneo come forte antiossidante.


Prodotti correlati


Mentha Arvensis

Mentha Arvensis


Mentha arvensis L.
Lamiaceae
Menta


Descrizione

Pianta dalle dimensioni inferiori rispetto la Mentha piperita e con fiori color lilla. L’olio essenziale contiene un’alta percentuale di mentolo e si ricava dalla pianta intera, raccolta nel periodo della fioritura e ha proprietà calmanti, disinfettanti e antinfiammatorie.


Prodotti correlati


Vitis Vinifera L.

Vitis Vinifera L.


Vitis Vinifera L.
Vitacea
Vite


Descrizione

La vite comune o vite euroasiatica è un arbusto rampicante della famiglia delle Vitaceae. Nell’ambito della specie si distinguono due sottospecie: Vitis vinifera subsp. sativa e Vitis vinifera subsp. sylvestris. Le foglie (i cosiddetti pampini) sono palmate, con lembo intero o suddiviso in genere in 3 o 5 lobi più o meno profondi. I fiori sono riuniti in infiorescenze a pannocchia, dapprima erette, poi pendule (grappolo composto). Il frutto è una bacca, detta acino; il colore della bacca matura varia, secondo il vitigno, dal verde al giallo, dal roseo al rosso-violaceo, dal nero al nero-bluastro. I costituenti sono soprattutto di tipo fenolico, tannini di tipo catechinico (procianidine), acidi organici e carboidrati. Ha azione antiossidante, inibitrice enzimatica, protettiva di alcuni componenti cellulari e migliora la funzionalità vascolare periferica.


Prodotti correlati


Viscum Album L.

Viscum Album L.


Viscum Album L.
Santalaceae
Vischio


Descrizione

Arbusto parassita, con fusto giallo-verdastro, foglie di forma oblunga e disposte in modo opposto a due a due lungo il ramo, fiori raccolti in cime e frutti costituiti da bacche bianche. La droga è data da tutta la pianta. Contiene amine (colina, tiramina, istamina), composti polifenolici (acidi-fenoli, lignani, come eleuteroside E, siringoside), flavonoidi e proteine (viscotossine e lectine). Ha azione ipotensiva, cardiotonica, immunostimolante, antineoplastica, sedativa e antispasmodica.


Prodotti correlati